Migranti, Md: preoccupati per rinnovo memorandum con Libia -2-

Red/Cro/Bla

Roma, 30 ott. (askanews) - "Tale quadro - quotidianamente riscontrabile dai magistrati impegnati nelle audizioni dei richiedenti asilo - è confermato dal rapporto del Segretario generale delle Nazioni Unite Antonìo Gutierres, rapporto consegnato alla Procura della Corte penale internazionale, insieme ad altre relazioni che hanno già provocato l'interesse ufficiale di quella Procura per i crimini contro l'umanità posti in essere contro i migranti in Libia. Vale la pena di ricordare ancora una volta che la Libia non ha mai ratificato la Convenzione di Ginevra del 1951 relativa allo status di rifugiato e che nel Paese è in corso una guerra civile sanguinosa. Gli effetti di tale guerra sono subiti anche dai migranti: basti pensare al bombardamento che lo scorso 2 luglio ha colpito un centro di detenzione provocando quaranta vittime e ottanta feriti", prosegue.

"Ogni finanziamento a quel Paese rischia quindi di aumentare sempre più i pericoli cui sono esposte le persone vulnerabili che l'attraversano. Ben altre sarebbero le politiche da adottare, a partire dalla realizzazione di corridoi umanitari gestiti dalle nostre istituzioni per fermare i trafficanti. Riteniamo necessario, inoltre, ai sensi dell'art. 80 della Costituzione, che il rinnovo del Memorandum - come invece non è accaduto per l'approvazione - venga discussa in Parlamento, al quale solo compete "la ratifica dei trattati internazionali che sono di natura politica. Chiediamo, in sostanza, il rispetto del diritto internazionale, dalla Dichiarazione universale dei diritti all'Uomo fino alla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea", conclude.