Migranti: a Milano 'No border, yes citizens' di Meyer sulla crisi italo-francese

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 15 nov. (Adnkronos) – E’ apparsa, in una nicchia in Via della Chiusa, a Milano, l’ultima opera dell’artivista Cristina Donati Meyer. L’opera si riferisce alla questione accoglienza dei naufraghi tra Italia e Francia. L’intervento di arte pubblica rappresenta una donna mediorientale con in braccio il suo bambino, nei pressi di una frontiera europea, con la scritta “Siamo tutti cittadini del mondo, No frontiere, No borders”.

L’autrice, l’artista e attivista per i diritti umani, Cristina Donati Meyer, ha dichiarato: “la guerriglia in corso tra Italia e Francia che coinvolge anche altri Paesi europei, si svolge tutta sulla pelle di naufraghi e potenziali profughi, ridotti a numeri, carne da macello e etichettati come clandestini. Che Paese, ma soprattutto che continente è, quello abitato da decine di milioni di persone che non vuole accogliere qualche migliaio di donne, bambini e disperati che fuggono da guerre e cambiamenti climatici?”. Nei prossimi giorni l’opera sarà affissa anche a Ventimiglia e a Mentone, sul fronte francese.