Migranti, naufragio a Lampedusa: recuperati sette corpi

Gtu

Roma, 30 nov. (askanews) - Recuperati sette corpi dal relitto del barcone carico di migranti naufragato al largo di Lampedusa il 23 novembre.

Questa mattina, sotto il coordinamento della Procura di Agrigento, che conduce le indagini sul naufragio, sono iniziate infatti a Lampedusa le attività di recupero delle salme dei naufraghi del barcone, affondato a circa un miglio dall'Isola dei Conigli. E' intervenuta una squadra di sei uomini della Guardia costiera del terzo nucleo sub di Messina, che ha iniziato le operazioni alle 8.30 di questa mattina. Intorno alle 12.30 - spiega la Guardia costiera - con l'aiuto di un sottomarino a comando remoto Rov (Remotely Operated Vehicle), i sub della Guardia costiera hanno recuperato sette corpi, ad una profondità di 47 metri, riversi vicino al barcone. I corpi sono stati poi trasferiti sull'isola da due motovedette della Guardia costiera. Domani, se le condizioni meteorologiche lo permetteranno, continueranno le operazioni di ricerca e recupero.