Migranti: niente processo a Carola Rackete, gip 'reato insussistente, salvò vite'/Adnkronos (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Nel provvedimento la giudice richiama anche l'ordinanza di annullamento dell'arresto del luglio 2019 quando non convalidò l'arresto di Carola. E anche la conferma della sua ordinanza decisa dalla Corte di Cassazione il 16 gennaio del 2020. La terza sezione penale della Cassazione aveva rigettato il ricorso presentato dal Procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio e dall'aggiunto Salvatore Vella contro l'annullamento dell'arresto escludendo il reato di resistenza e violenza a nave da guerra, che era stato contestato alla capitana. Nella richiesta di archiviazione la Procura ha ricordato proprio l'ordinanza della gip che annullò l'arresto di Rackete. Sottolineando anche quanto scritto dalla Cassazione: "In temi di circostanze ostative all'arresto in flagranza, rappresentate dalla causa di giustificazione dell'adempimento di un dovere o dell'esercizio di una facoltà legittima, e da una causa di non punibilità, non è richiesto che le stesse sussistano con evidenza, potendo essere anche solo verosimilmente esistenti". Richiami che sono finiti anche nel provvedimento della gip Vella di archiviazione dell'inchiesta su Carola.

"Ci siamo adeguati alle indicazioni della Corte di Cassazione che aveva confermato l'annullamento dell'arresto. Pur avendo qualche perplessità sul bilanciamento dei beni giuridici in gioco", dice all'Adnkronos il Procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio, commentando la decisione della gip di archiviare l'indagine a carico della capitana tedesca.

Soddisfatti i legali di Carola Rackete, gli avvocati Salvatore Tesoriero, Leonardo Marino e Alessandro Gamberini. "Il rilievo dato all'adempimento del dovere è la proiezione, nel procedimento ora archiviato, di quanto affermato sin da subito da noi, poi dal giudice delle indagini preliminari che riconobbe l'illegittimità dell'arresto di Carola, infine dalla Cassazione che confermò l'illegittimità di quell'arresto", spiega all'Adnkronos l'avvocato Salvatore Tesoriero.