Migranti, Ong a Ue: assegnare porto sicuro a Ocean Viking -2-

red/rus

Roma, 28 ott. (askanews) - "Ogni paziente visitato finora nella clinica di MSF a bordo ci ha raccontato di aver subito o assistito a violenze, anche sessuali, a un certo punto del viaggio. Le donne hanno detto al nostro team medico di essere fuggite dai loro paesi a causa di matrimoni forzati, mutilazioni genitali femminili o violenze sessuali" spiega Michael Fark, capomissione di MSF. "È inaccettabile che da dieci giorni queste persone già vulnerabili abbiano dovuto subire non solo le intemperie, bloccate in mare aperto, ma anche l'incertezza di non sapere cosa sarà di loro. Questa prolungata e inutile permanenza in mare deve finire. Chiediamo con forza ai leader europei di essere all'altezza dei propri principi e consentire ai naufraghi di sbarcare finalmente verso la sicurezza".