Migranti, Open Arms: nave troppo vecchia rischiamo doverci... -2-

Red/Gtu

Roma, 13 gen.(askanews) - "La battaglia per la difesa dei diritti umani in mare - ricorda Open Arms - ha costi elevati ed è necessario poter garantire la sicurezza di tutti, delle persone che vengono soccorse e dell'equipaggio di volontari e volontarie che ci permettono di essere in mare". Quindi "l'appello è rivolto ai cittadini e alle cittadine che hanno a cuore e condividono la nostra missione, serve l'aiuto di tutti".

L'ong Open Arms ha iniziato le sue missioni di salvataggio nel settembre del 2015 a Lesbo (Grecia) dove - ricorda l'ong - ha salvato mille persone nel Mar Egeo. Nell'inverno del 2016 ha estenso le sue missioni nel Mediterraneo centrale, dove in 4 mesi ha salvato 15mila vite con la barca a vela Astral. Dall'inizio delle sue missioni nel Mediterraneo centrale, ha salvato 26.500 persone, 5.000 con la Open Arms. E "tutto grazie alle donazioni arrivate dalla società civile".