Migranti, Osservatore Romano: politica Ue sembra muovere primi passi

Mpd

Roma, 14 set. (askanews) - "Sembrerebbe muovere i primi passi - con la creazione e il sostegno sia finanziario che operativo di un "meccanismo automatico", seppur temporaneo, di ripartizione dei migranti salvati nel Mediterraneo - la politica migratoria europea". Lo scrive l'Osservatore Romano alla luce delle aperture di Francia e Germania sulla redistribuzione dei migranti.

"L'obiettivo - sottolinea il quotidiano della Santa Sede - è giungere a una gestione condivisa degli arrivi lungo le coste mediterranee, soprattutto di Italia e Grecia. Francia e Germania sono stati i primi due paesi "v o l e n t e ro s i " a impegnarsi esplicitamente. L'annuncio dell'intervento di Parigi e Berlino è stato dato dal ministro dell'Interno tedesco, Horst Seehofer, il quale ha aggiunto che ora «l'aspettativa è che altri stati si aggreghino». In Italia, cui dovrebbe spettare l'accoglienza del 10 per cento delle persone che sbarcano sulle coste, il nuovo esecutivo guidato da Giuseppe Conte ha concordato come obiettivo primario quello di evitare i lunghi giorni di agonia in mare per le persone salvate nel Mediterraneo dalle navi delle ong, nell'attesa di vedersi assegnare un porto sicuro. Per permettere questo è però necessario creare le condizioni per un'equa ricollocazione dei profughi. La ricerca di un accordo sulla redistribuzione dei migranti sarà al centro di un vertice dei ministri dell'Interno organizzato dall'Unione europea il 23 settembre a Malta".