Migranti, Oxfam: a Lesbo disumanità nel cuore dell'Europa -3-

Red/Coa

Roma, 14 ott. (askanews) - Una situazione esplosiva anche da un punto di vista sanitario, dopo che ad agosto per la mancanza di personale sanitario sono state sospese le normali operazioni di screening medico e le vaccinazioni per i nuovi arrivati. Con la conseguenza, che la maggior parte dei ragazzi che vivono a Moria non ha potuto iscriversi nelle scuole greche.

Il tutto - si legge ancora nella nota di Oxfam - in un contesto in cui la lentezza e l'inefficienza delle procedure di identificazione e richiesta di asilo per i migranti più vulnerabili, sta lasciando le persone vittime di traumi e torture, senza l'assistenza sanitaria e psicologica di cui avrebbero bisogno e in molti casi impedisce anche ai minori non accompagnati di ricongiungersi con i familiari che si trovano in altri stati europei.(Segue)