Migranti, Piantedosi vede capigruppo. Ipotesi confisca navi Ong

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 15 nov. (askanews) - L'inasprimento ci sarà, anche perché ad annunciarlo è stata la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni venerdì scorso. Il governo va verso un giro di vite sul tema dell'immigrazione clandestina e non è escluso che il provvedimento possa essere all'ordine del giorno già del prossimo Consiglio dei ministri. Un testo ancora non c'è, né è stato deciso se sarà un decreto o una norma da inserire in un provvedimento già esistente. Di certo, tra le misure allo studio c'è un aumento delle multe e l'ipotesi di arrivare fino alla confisca delle navi Ong. Il tema è stato oggetto di un incontro di circa un'ora tra i capigruppo di maggioranza e il ministro dell'Interno Matteo Piantedosi, che domani è atteso in Parlamento per fare la sua informativa. Il responsabile del Viminale ha fatto sapere che nel suo intervento non si parlerà soltanto di arrivi e sbarchi ma anche della questione dell'accoglienza e dell'assistenza.

Quanto al caso Ocean Viking, Piantedosi avrebbe anticipato ai capigruppo che domani spiegherà come non fosse intenzione né sua né del governo creare frizioni con la Francia, ma che l'obiettivo era quello di "sollevare il principio della responsabilità di bandiera" che peraltro nel caso specifico è norvegese.

Piantedosi avrebbe poi fatto riferimento all'importanza del decreto flussi per favorire un'immigrazione regolare e, dunque, all'utilità di accordi bilaterali con Paesi di transito e di partenza.

Durante l'incontro al Viminale si è discusso anche della norma sui rave, sui quali Forza Italia aveva sollevato alcune perplessità e chiesto modifiche. Il ministro, viene riferito, avrebbe ribadito che la norma non è stata né pensata né scritta per casi diversi da quelli dei rave illegali e quindi non può essere applicata, per esempio, a occupazioni di scuole o università. Piantedosi si sarebbe detto pronto a qualsiasi miglioramento della norma, spiegando tuttavia di ritenere fondamentale - e dunque intoccabile - la misura della confisca degli strumenti musicali che "ha un forte potere deterrente".