Migranti, Piemonte avvia progetto sperimentale rimpatrio volontario -2-

red/Rus

Roma, 9 ago. (askanews) - "È importante come nel caso dell'ex Moi sgomberare le occupazioni abusive, ma allo stesso tempo servono misure concrete per gestire la situazione anche dopo, altrimenti si rischia solo di spostare il problema da un posto all'altro- aggiunge il presidente Cirio -. Questo progetto è una sperimentazione importante perché non dà un sussidio economico fine a se stesso, ma crea le condizioni perché un migrante possa tornare a casa e poi avere realmente le opportunità per restarci. Diciamo spesso "aiutiamoli a casa loro", ma poi non lo facciamo. Questa volta invece alle parole seguono i fatti, anche attraverso le risorse di quell'Europa che troppo spesso ha lasciato solo il nostro Paese nel gestire un problema che, però, non è solo italiano. Il Piemonte è una terra solidale, ma la solidarietà deve sempre andare di pari passo con la legalità".(Segue)