Migranti, polizia arresta a Reggio Calabria due scafisti

Red/Nav

Roma, 26 ott. (askanews) - Coppia di scafisti arrestati dalla polizia a Reggio Calabria. L'accusa è quella di aver portato 64 extracomunitari irregolari sulle coste della provincia, a bordo di una barca a vela di 12 metri. I soggetti erano riusciti a scappare in occasione dello sbarco di 109 migranti, il 14 ottobre scorso. Il fatto si registrato sulle coste di Roccella Jonica. Alla fine gli indasgati sono stati fermati dalla Squadra Mobile di Foggia, in esecuzione di un decreto di fermo emesso dalla Procura della Repubblica di Locri (RC), dopo delle indagini lampo condotte dalla Squadra Mobile di Reggio Calabria.

I due soggetti di nazionalità moldava, di ventinove e ventitré anni, sono stati intercettati il 16 ottobre - si spiega in una nota - mentre si davano alla fuga, dal personale della Sezione Polizia Ferroviaria di Foggia che, immediatamente, ha informato agli investigatori della Squadra Mobile di Reggio Calabria. In poche ore l'autorità giudiziaria ha emesso un decreto di fermo. I due stranieri, che rispondono, in concorso, del reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, sono stati portati nel carcere di Foggia.