Migranti: procuratore Trapani, 'giornalista intercettata? Nell'informativa non c'è traccia' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – E spiega: "Nel brogliaccio di ascolto che fa la Polizia giudiziaria viene di solito indicato il giorno e l'ora di una conversazione ed il soggetto con cui il soggetto intercettato sta parlando. E in quel brogliaccio sarà capitata anche la conversazione con la sua legale (Alessandra Ballerini ndr). Ma non è una conversazione tra l'indiziata e il suo legale, perché Porsia non è mai stata indagata", spiega ancora il magistrato.

Poi il Procuratore di Trapani Maurizio Agnello tiene anche a precisare che "In ogni caso se c'è un pm che ha chiesto una intercettazione c'è stato anche un gip che l'ha concessa…". Quando venne intercettata la giornalista Porsia, nel 2017, il pm di allora Andrea Tarondo, chiese al gip del Tribunale di Trapani di autorizzare le conversazioni. Che le concesse. Da lì la decisione di sentire per alcuni mesi la giornalista d'inchiesta.

Ma perché intercettare una giornalista? Il Procuratore è d'accordo su quanto fatto dal pm quando lui ancora non era a capo della Procura? "Su questo preferisco non rispondere…", taglia corto Maurizio Agnello.