Migranti, proseguono ricerche dispersi naufragio 7 ottobre

Xpa

Palermo, 9 ott. (askanews) - Tre giorni dopo il naufragio del barcone carico di migranti, avvenuto a 6 miglia da Lampedusa, proseguoino nel Canale di Sicilia le ricerche dei dispersi. All'appello mancano una quindicina di persone, tra cui donne e bambini. Le ricerche sono in corso mediante l'impiego dell'aereo ATR42 "MANTA" della Guardia Costiera e dell'elicottero "VOLPE" della Guardia di Finanza. Il bilancio al momento è di 13 morti recuperati dalle acque del Mediterraneo. Ventidue invece sono i sopravvissuti.

Durante il corso della giornata, inoltre, verrà inviata nell'area di ricerca una motovedetta con a bordo personale specializzato dei Nuclei Subacquei della Guardia Costiera che, avvalendosi di uno speciale robot subacqueo - il R.O.V. (Remotely Operated Vehicle) -, eseguiranno un primo tentativo di ispezione del fondale al fine di individuare e ispezionare il relitto.

La Guardia Costiera di Palermo coordina le operazioni.