Migranti, Ricciarelli: "Italiani non sono razzisti, sono solo esasperati"

·2 minuto per la lettura

"Gli italiani sono un popolo di gente buona che ha sempre cercato di fare del bene. Che non venga in mente a nessuno di dire che siamo razzisti, ora basta. La situazione di tensione che si è creata è dovuta al fatto che non c'è stato nessun senso della misura nella gestione degli ingressi di queste persone nel nostro paese, e la situazione si è aggravata. Se adesso c'è tensione è normale, mi sembra il minimo". A dirlo all'Adnkronos è Katia Ricciarelli, commentando le polemiche scatenatesi intorno agli sbarchi di migranti delle ultime ore. "Gli italiani sono popolo di gente buona -incalza la Ricciarelli- Siamo pronti a fare del bene sempre, e se adesso siamo tesi è perché la situazione è diventata difficile. Adesso siamo anche noi in una situazione tosta dovuta alla pandemia, quindi trovo normale che la reazione ci sia".

Il celebre soprano sottolinea: "Io non ce l'ho con queste persone che sbarcano da noi. Dico solo che se non creiamo una situazione che possa garantirgli un minimo di dignità, come si fa a farli entrare? Gli facciamo del male invece che del bene, e lo facciamo anche a noi stessi perché non è una cosa piacevole vedere le persone in quella situazione". La gestione degli sbarchi "è molto complessa, lo capisco bene -puntualizza la Ricciarelli- e io posso solo dare il mio parere di cittadina, non vorrei essere nei panni di chi governa". Ma osserva: "Quelli che si sono insediati e lavorano, e che si sono integrati rispettando le nostre regole, hanno tutto il diritto di stare qua. Ma è necessario rispettare delle regole, come faremmo noi nel loro paese".

Il soprano torna poi sulla sua ospitata in tv di ieri a 'Dritto e Rovescio', nel corso della quale si è affrontato il tema dei migranti. "Mi sono permessa di dire che conosco molte persone 'di colore' e a momenti mi ammazzano, sostenendo che dovevo dire 'neri' -racconta- Perché devo dire 'nero'? Vogliamo metterci a discutere del colore? Io non avevo alcun intento discriminatorio, ci mancherebbe. Anche nel mio lavoro ho dei colleghi che sono 'di colore', ma qui bisogna stare attenti anche a come si parla, e questo non va bene, perché dobbiamo essere sul filo del rasoio con persone che vengono da noi a cercare aiuto? Dovrebbero dire 'grazie Italia', perché negli altri paesi non lo fanno".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli