Migranti, Salvini: felice, ho fatto mio lavoro e protetto vite

·1 minuto per la lettura
featured 1248992
featured 1248992

Palermo, 20 mar. (askanews) – “Io sono felice. Sono un italiano felice di aver fatto il suo lavoro, di aver protetto vite, dignità e confini, di aver svegliato l’Europa, e se ne devo pagare, subire personalmente e penalmente le conseguenze lo faccio con orgoglio a testa alta. Poi lascio che siano i giudici a giudicare se un ministro che ha difeso il suo paese rispettando le leggi merita 15 anni di carcere o se lo merita chi ha messo a rischio le vite delle persone. Sono l’imputato più tranquillo sulla faccia della Terra”. Lo ha detto l’ex ministro dell’interno Matteo Salvini uscendo dal’aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. La procura di Palermo ha chiesto il rinvio a giudizio nei confronti del leader del Carroccio nell’ambito del processo Open Arms.