Migranti,Salvini scrive a Conte: esportare in Ue nostra strategia

Luc

Roma, 6 ago. (askanews) - L'impostazione seguita dal governo in tema di immigrazione costituisce "un valido modello da esportare a livello di Ue". Lo scrive il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, in una lettera inviata al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e, per conoscenza, al ministro degli Esteri Enzo Moavero, all'indomani dell'approvazione in via definitiva del decreto sicurezza bis.

"Il recente voto favorevole sul cosiddetto Decreto sicurezza bis - sottolinea - rappresenta un indubbio successo per il Governo, ma soprattutto per il Paese, e premia l'impegno e la determinazione con la quale abbiamo perseguito questo obiettivo. Tra gli aspetti più qualificanti del nuovo provvedimento normativo vi è la creazione del fondo per le politiche di rimpatrio, istituito nello stato di previsione del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Si tratta di uno strumento la cui attuazione potrà rivelarsi cruciale per l'affermazione del principio, più volte da noi condiviso, di premiare, anche attraverso idonee forme di cooperazione, quei Paesi terzi che collaborano nella riammissione di soggetti irregolari presenti sul territorio nazionale".

"Sono, peraltro, convinto - prosegue Salvini - che l'impostazione da noi seguita possa costituire un valido modello da esportare a livello di Unione europea, per ottenere quel salto di qualità nei rapporti di collaborazione sui rimpatri con i Paesi terzi, invocato da tutti gli Stati membri, ma ancora privo di concreti strumenti operativi".

"In questa prospettiva, ritengo opportuna un'azione coordinata e sinergica del Governo in ogni sede europea, ivi incluso il Consiglio europeo, per valorizzare la strategia italiana e favorire una sua riproduzione a livello di Unione. Ti sarei, in particolare, grato per gli interventi che riterrai opportuno intraprendere al fine di sensibilizzare ed orientare in questa direzione la nuova Commissione europea, la cui azione dovrà aprire la strada, da subito, ad un nuovo approccio verso le questioni migratorie", conclude Salvini.