Migranti sbarcati a La Spezia, nascosti nell’intercapedine della nave

Migranti sbarcati a La Spezia in intercapedine nave

Tre migranti algerini sono sbarcati a La Spezia, dopo essere giunti al porto nascosti all’interno dell’intercapedine della nave su cui viaggiavano. Sono stati individuati dalle autorità del porto ligure durante dei controlli. Dopo aver ricevuto le prime cure mediche, sono stati affidati alla polizia di frontiera.

Migranti sbarcati a La Spezia

I tre migranti sono sbarcati a La Spezia la mattina di martedì 27 agosto a bordo di una nave cargo che ha attraccato al molo Fornelli. Le autorità portuali li hanno individuati in un’intercapedine situata in una zona della stiva in equilibrio precario. Sull’imbarcazione sono intervenute le squadre dei Vigili del Fuoco, che hanno estratto gli algerini e li hanno aiutati a uscire.

I medici che li hanno visitati sul posto hanno diagnosticato un principio di disidratazione. I tre migranti sono apparsi estremamente provati dal lungo e difficoltoso viaggio. Hanno riferito alle forze dell’ordine di aver deciso, spinti dalla disperazione, di imbarcarsi nonostante i rischi per raggiungere le coste dell’Europa. Originari dell’Algeria, hanno lasciato l’Africa dal porto di Casablanca, in Marocco. La nave su cui viaggiavano è la Adelheid S, battente bandiera di Antigua e Bermuda.

Mare Ionio soccorre 98 migranti

Nelle stesse ore, la nave Mare Ionio della Ong Mediterranea ha soccorso 98 migranti a bordo di un gommone in avaria. Sull’imbarcazione di fortuna erano presenti anche diversi bambini (tutti sotto i dieci anni di età, alcuni di pochi mesi). Il recupero dei naufraghi (provenienti da Costa d’Avorio, Nigeria, Camerun e Gambia) è avvenuto a 70 miglia a nord di Misurata. La Mare Ionio si è immediatamente messa in contatto con le autorità italiane e sta navigando in direzione nord-ovest.