Migranti, scontro con Parigi e Berlino

webinfo@adnkronos.com

Scontro sul tema dei porti di sbarco per i migranti tra Matteo Salvini e Francia e Germania. Durante il tavolo in corso a Helsinki, con il vicepremier e il ministro di Malta, in occasione del vertice tra ministri Ue, da Berlino e Parigi è stato richiesto di far approvare un documento a proposito degli sbarchi che, già durante la cena informale di mercoledì sera, aveva incassato la netta contrarietà di altri Paesi, a partire da Italia e Malta.  

Distanze che hanno convinto i quattro ministri a riaggiornarsi, con la Francia che si è inserita all’ultimo momento, ma la sensazione è che serviranno altri approfondimenti per avvicinarsi a un’intesa. A quanto si apprende, Malta e Italia contestano l’idea del primo porto sicuro di approdo per gli immigrati (temendo di doversi sobbarcare tutto il peso degli arrivi) e immaginano che la redistribuzione dei soli profughi lasci nei primi Paesi di arrivo i clandestini, difficili da espellere.  

ONG - C'è anche il nodo Ong sul tavolo a Helsinki. Salvini, durante il quadrilaterale con Francia, Germania e Malta, ha chiarito come "le Ong non possano sostituirsi agli Stati", ricordando il caso della 'Sea Watch 3' "che ha violato le leggi italiane e ha speronato una motovedetta". Dopo un primo confronto con i tecnici, i ministri hanno dialogato da soli per provare ad avvicinare le posizioni.  

Il vicepremier ha insistito per rafforzare l'impegno per prevenire le partenze e incrementare le espulsioni, anche inserendo una lista di Paesi sicuri ''per cui prevedere delle riammissioni automatiche''. Perché ''un conto sono gli arrivi da zone da guerra, un altro da Tunisia o Albania''. 

A settembre, si apprende, ci sarà un vertice straordinario a Malta dei quattro Paesi interessati più la Finlandia, ma già nelle prossime settimane si vedranno i rispettivi tecnici. 

CASTANER - "L'iniziativa franco-tedesca che abbiamo preso è anche un'iniziativa di solidarietà per l'Italia o per Malta" ha detto Christophe Castaner, ministro dell'Interno francese, sottolineando che "non è stato ancora trovato l'accordo" sulla vicenda dei porti di primo arrivo".  

"Le posizioni politiche dei responsabili dei Paesi sono legittime, ma quello che mi interessa è evitare che gli uomini e le donne muoiano in fondo al mare", ha assicurato. "Matteo Salvini intende difendere le sue posizioni politiche, che sono legittime. Io ho anche le mie posizioni politiche che sono altrettanto legittime e sono differenti". 

"Siamo dei ministri che hanno responsabilità - ha spiegato il francese - . L'impegno essenziale è la sicurezza degli italiani da un lato e dei francesi dall'altro. Le discussioni politiche sono franche e cordiali. Noi sappiamo che bisogna trovare un accordo". 

SEEHOFER - Siparietto tra Salvini e il ministro dell'Interno tedesco Horst Seehofer. Quest'ultimo, prima di entrare alla riunione, presso la Finlandia Hall, si è avvicinato all'italiano, scherzando sulle accuse del leghista allo strapotere di Parigi e Berlino: "Matteo - ha domandato ironico -, stai già twittando per dire che siamo cattivi con voi?".  

Al tedesco arriva poi la risposta di Salvini, che con un sorriso dice: "Ma no, sto facendo gli auguri a mio figlio Federico per l'onomastico".