Migranti, Sibilia: con governo Conte 2 rimpatri decuplicati

Cro-Mpd

Roma, 23 gen. (askanews) - "Con il governo Conte 2 i rimpatri sono già decuplicati, siamo quindi in fase di accelerazione costante. In questo senso necessario è il supporto dell'Unione europea che deve garantire presenza e vicinanza al nostro Paese". Lo ha detto il Sottosegretario di Stato all'Interno Carlo Sibilia, in missione a Bruxelles per incontrare il Commissario europeo per i migranti Schinas "Nell'incontro con il commissario europeo alle migrazioni Schinas - ha aggiunto ho avuto modo di parlare del ruolo centrale dell'Italia rispetto alla questione migratoria e alla gestione dei relativi flussi. Un ruolo chiave che, però, richiede il supporto di tutti i Paesi europei, che devono contribuire nel processo di redistribuzione dei migranti. L'obiettivo non è solo ridurre gli sbarchi, ma soprattutto costruire corridoi umanitari in cui i migranti sono riallocati o in alternativa rimpatriati, il tutto nel minor tempo possibile".

Durante l'incontro durato più di un'ora, il sottosegretario Sibilia e il Commissario Schinas hanno approfondito inoltre il tema del traffico degli esseri umani, fenomeno che sta assumendo dimensioni preoccupanti anche in Italia. "L'Italia - ha spiegato il sottosegretario - sta mettendo in campo tutte le misure atte ad arginare questo fenomeno in cui le mafie internazionali hanno trovato un business particolarmente redditizio, dopo la droga e le armi. Al commissario Schinas - prosegue - abbiamo chiesto di portare avanti ulteriori sforzi per arginare la tratta delle donne, fenomeno certamente alimentato dal flusso migratorio. Regolare l'immigrazione significa anche ridurre le vittime della tratta, in primis donne, soggetti deboli vittime di interessi criminali".

Il sottosegretario Sibilia, accompagnato dall'Europarlamentare M5S Isabella Adinolfi, presenzierà domattina, a margine della sua missione a Bruxelles, alla presentazione del libro denuncia di don Aldo Bonaiuto "Donne Crocifisse" proprio sul fenomeno criminale della tratta internazionale delle donne.