Migranti, sindaca di Porto Empedocle: "Siamo esasperati, intervenga Conte"

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

"Siamo esasperati. Non ce la facciamo più. Faccio un appello al Presidente del Consiglio Conte affinché possa intervenire al più presto. Dopo la fuga di massa di ieri di oltre 100 migranti stasera ne portano nella stessa tensostruttura altri duecento. Ma come è possibile lasciarci così allo sbando?". E' lo sfogo con l'Adnkronos della sindaca di Porto Empedocle (Agrigento) Ida Carmina, del M5S. "Ci stanno mettendo in grandissima difficoltà - dice- mi fa male il cuore. Io ho fatto una ordinanza per evitare che ci fossero altri sbarchi e invece Porto Empedocle continua essere utilizzata come sede privilegiata di tutti gli sbarchi per scelta governativa. Questo è motivo di grande sofferenza per la città e compromette le prospettive per il futuro".

Per Ida Carmina, molto vicina a Luigi Di Maio, "non si considerano adeguatamente le ricadute in termini di sofferenza della popolazione". "Poi la gente se la prende con me e solo con me quando scappano i migranti. Uno mi ha gridato: 'Se domani mio figlio si ammala, ti vengo a prendere a casa' insomma ha ragione il Procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio quando dice che ci sono 'gravi problemi di ordine pubblico'. Io l'ho sentito oggi in via informale ma non escludo di andarci nei prossimi giorni...".

Ida Carmina spiega poi che "si potrebbero fare ponti aerei, ad esempio", e ricorda: "Nel 1997, quando c'era quando c'era Prodi Presidente del Consiglio mi ricordo che si disposero i blocchi navali. Perché non si dispongono controlli analoghi adesso nel Canale di Sicilia? E nel recente passato, quando Lampedusa era sovraccarica i mezzi militari non si fermavano a Porto Empedocle ". E avverte: "Così non si può continuare" perché "la gente pensa che sia colpa nostra, noi subiamo tutti i giorni". Ma la sua maggiore preoccupazione è che "stasera arriveranno altri duecento migranti nella stessa tensostruttura da cui ieri sono scappati in 120, assurdo". "Mi chiedo quale sia il senso di tutto questo - dice - Io sto cercando di interloquire con il governo. Voglio parlare con il premier Conte". "Non dimentichiamo che c'è stato anche un problema di carattere sanitario, che è molto grave" conclude.