Migranti, sindaco Pozzallo: "Lamorgese lasciata sola, governo non sottovaluti problema"

·3 minuto per la lettura

Tira un sospiro di sollievo il sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna. Le operazioni di soccorso dei 398 migranti messi in salvo ieri notte, dopo che il vecchio peschereccio su cui viaggiavano si era incagliato tra gli scogli all'imboccatura del porto, sono andate avanti per tutta la notte, mentre un forte vento sferzava la banchina, e si sono concluse senza intoppi. "Una straordinaria macchina dell'accoglienza", ripete adesso il primo cittadino, che su quel molo è rimasto per ore insieme al prefetto Giuseppe Ranieri, ai vertici delle forze dell'ordine e dell'Azienda sanitaria provinciale, ai volontari della Protezione civile e della Croce rossa, alle autorità sanitarie. "C'è una grande sinergia - dice all'Adnkronos -, in pochi minuti, scattata l'emergenza, è stata attivata la macchina. Fortunatamente è andato tutto bene. Sono in discrete condizioni, erano infreddoliti e qualcuno presentava i primi sintomi dell'ipotermia, ma per nessuno è stato necessario il ricovero in ospedale".

Nel day after dell'emergenza il primo cittadino, da sempre in prima linea sul fronte dell'accoglienza, riflette. "Il fenomeno migratorio va governato, non si può cancellare con un colpo di spugna o risolvere con la solita propaganda". Per lui la responsabile del Viminale, Luciana Lamorgese, sta facendo un "gran lavoro". "E' lasciata sola ad affrontare questo tema, salvo poi attaccarla... attacchi irresponsabili e insensati - puntualizza Ammatuna -. Penso che sarebbe necessario un maggior sostegno politico e morale nei suoi confronti da parte dell'intero Esecutivo. E' un gran ministro". Sul banco degli imputati c'è l'Europa, ma non solo. "Accanto a ogni sbarco abbiamo la Prefettura e il ministero dell'Interno che ci supportano - sottolinea -, lo stesso non può dirsi del Governo italiano, che non considera i flussi migratori una grande questione, sottovalutando un tema che rischia di esplodere in tutta la sua drammaticità".

Nei giorni in cui tv e giornali dedicano ampio spazio allo scontro tra la Polonia e la Bielorussia il sindaco di frontiera si dice "amareggiato". "Sono dispiaciuto nel leggere la grande attenzione che si riserva a questa crisi e considerare, al tempo stesso, come la stessa sensibilità non venga attribuita alle migrazioni nel Mediterraneo, che sono di gran lunga le più corpose e le più pericolose". Insomma, migranti di serie A e di serie B. I quasi 400 che ieri notte hanno raggiunto in autonomia il porto di Pozzallo, in autunno inoltrato e con condizioni meteo decisamente proibitive, fanno luce su un dato di fatto. "I flussi migratori non sono un evento che si può confinare solo alla stagione estiva - spiega il sindaco -, ma un fenomeno che si sta piano piano aggravando e accentuando e che richiede risposte subito".

Insomma, è la tesi di Ammatuna, i leader degli Stati membro dell'Ue devono sedersi attorno a un tavolo. "Ormai è inevitabile - avverte - e va messa in campo una flotta europea nel Mediterraneo, dove a migliaia muoiono o sono lasciati nelle mani dei trafficanti di esseri umani. Che in quel mare non ci sia un controllo da parte della civilissima Europa è inaccettabile". Il tema resta lo stesso di sempre. "L'Italia da sola non può farcela davanti a un fenomeno di queste dimensioni, è arrivata l'ora che si concretizzi un'operazione di frontiera marittima europea. In caso contrario - conclude il sindaco - andremo incontro a momenti difficili e complicati". Adesso c'è da organizzare il trasferimento degli ultimi arrivati sulla base delle indicazioni fornite dal ministro dell'Interno. "Un grande ministro...", continua a ripetere. (di Rossana Lo Castro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli