Migranti, soccorse 77 persone al largo di Lampedusa

migranti lampedusa

È di nuovo allarme sbarchi a Lampedusa, dove nella serata di mercoledì sono stati soccorsi dalla Guardia Costiera e dalla Guardia di Finanza, 77 migranti alla deriva. In particolare si tratta di un gruppo formato da circa 30 donne, una delle quali al nono mese di gravidanza, due bambini piccoli e una quarantina di uomini. Ai soccorritori che li hanno messi in salvo hanno raccontato di essere partiti dalla Libia e di essere in viaggio da oltre tre giorni. Proverrebbero da Costa d’Avorio, Gambia, Camerun, Senegal e Tunisia.

Migranti, soccorsi e sbarcati

I migranti sarebbero stati intercettati dalla Guardia di Finanza e dalla Guardia Costiera a bordo di una piccola imbarcazione alla deriva e sono stati quindi soccorsi e trasportati poi all’hotspot di Lampedusa, dove sono stati sottoposti ai controlli medici e identificativi. Stando a quanto raccontato dagli stessi migranti a bordo, erano partiti tre giorni prima dalla Libia e sono rimasti giorno e notte in balia delle onde, arrivando a pensare di non riuscire a sopravvivere. Una volta terminati tutti i delicati controlli di identificazione, sarà importante per gli inquirenti capire quale sarà il loro destino. Si tratta infatti di uno sbarco avvenuto “all’improvviso” e senza l’intervento di alcuna ong.

Soccorsi anche alcuni bambini

Quando le motovedette hanno dato avvio alle operazioni di soccorso, si sono resi subito conto di alcune situazioni particolarmente delicate. A bordo della piccola imbarcazione c’era infatti una donna in gravidanza, che si è poi scoperto essere già al nono mese di gravidanza. Tra i migranti anche 4 bambini, una delle quali di solo un anno. Tutti sono stati trasbordati e accompagnati poi al molo Favarolo di Lampedusa da cui sono stati poi trasferiti all’hotspot.