Migranti, su flussi condivisione Italia-Francia su proposte a Ue

Red/Gca
·1 minuto per la lettura

Roma, 31 lug. (askanews) - "Sono sicura che collaboreremo sempre in maniera efficace; ci attendono importanti sfide comuni con la Francia e un percorso da affrontare uniti e in piena sintonia", a partire dal patto sull'immigrazione da portare in Europa. Lo ha detto questa mattina al Viminale il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese dopo l'incontro con il ministro dell'Interno della Repubblica francese Gérald Darmanin. Si è trattato di una "visita molto proficua", ha osservato la titolare dell'Interno esprimendo soddisfazione per l'incontro, e sottolineando il segno di attenzione della Francia nei riguardi dell'Italia, considerato che è stata la prima visita in un Paese europeo dalla nomina del ministro francese. "Faremo di tutto per portare in Europa posizioni comuni anche sul fronte dei rimpatri" ha detto il ministro aggiungendo che l'omologo francese "ha pienamente condiviso la nostra idea di progetto a livello europeo per i rimpatri", ovvero ripartire dall'accordo di Malta, "che ha dato finora risultati importanti". "Siamo infatti giunti a un momento cruciale per il rilancio della strategia europea sull'immigrazione: dopo l'estate la Commissione europea presenterà il nuovo patto europeo sull'immigrazione e l'asilo e occorrono riforme coraggiose, in grado di dare concretezza ai principi di solidarietà ed equa ripartizione degli oneri tra tutti gli Stati membri , ha sottolineato la titolare del Viminale spiegando che occorre ripartire dalle intese raggiunte a Malta, e ringrazio la Francia che non ha mai mancato di partecipare attivamente al meccanismo di redistribuzione dei migranti e si è subito attivata, dopo il periodo di sospensione dovuto all'emergenza sanitaria, a proseguire i trasferimenti". (segue)