Migranti, Taranto e Messina per Sea Watch e Open Arms: il ministero conferma

Sea Watch, le immagini dei migranti a bordo della Ong tedesca

Buone notizie per le imbarcazioni umanitarie Sea Watch 3 e Open Arms. L’Italia ha assegnato la città di Taranto come porto sicuro per la nave dell’ex capitano Carola Rackete: la ong tedesca ha a bordo 119 persone, migranti soccorsi in tre diversi interventi avvenuti nei giorni scorsi. Alla spagnola Open Arms invece è stato assegnato il porto di Messina. Il Viminale ha confermato ufficialmente l’assegnazione dei due porti alle ong. “La gioia a bordo è inspiegabile, così come il nostro sollievo” -commenta l’equipaggio della Sea Watch, in una nota pubblicata su Twitter- “Auspichiamo di arrivare presto a un meccanismo di sbarco e redistribuzione automatico, senza sporchi accordi con la Libia”.

Migranti a Taranto e Messina: la redistribuzione

L’imbarcazione Proactiva ha soccorso 118 migranti, dal ministero fanno sapere che “Francia, Germania, Portogallo e Irlanda hanno dato la disponibilità ad accogliere i richiedenti asilo”. La redistribuzione dei migranti avverrà in base alla procedura già avviata a livello europeo con il pre-accordo di Malta. Oscar Camps fondatore di Open Arms ha commentato “Un grande sollievo per le persone soccorse e anche per l’equipaggio. Speriamo che si arrivi presto a un sistema strutturato di sbarco e redistribuzione e alla sospensione degli accordi con la Libia”.