Migranti: Trano (Ac), 'Draghi visiti campi prigionia invece di ringraziare Libia'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 6 apr. (Adnkronos) – "Draghi è arrivato a ringraziare i libici per i salvataggi in mare, quando inchieste internazionali continuano a mostrare i pesanti coinvolgimenti della marina militare del Paese nel traffico di esseri umani, senza considerare le pagine opache scritte sulla pelle dei nostri pescatori siciliani”. Lo dichiara Raffaele Trano, deputato della componente parlamentare l’Alternativa C’è.

“Il premier- aggiunge- aveva una grande occasione e l'ha persa. A differenza dei suoi predecessori, anziché limitarsi ad appoggiare anche lui gli accordi voluti dall'allora ministro dell'interno dem Marco Minniti per frenare le partenze dei migranti, utili solo a lavarsi la coscienza davanti a un esercito di disperati abbandonati alle peggiori torture in Africa, avrebbe potuto chiedere di visitare uno dei campi di prigionia".

"Inchieste delle Nazioni Unite e di giornalisti italiani e internazionali, di recente anche intercettati ingiustamente dalla magistratura mentre cercavano di fare informazione, sostengono che la Guardia costiera libica è di fatto gestita dalle stesse milizie che guadagnano anche con il traffico di esseri umani e con la gestione dei centri di detenzione per migranti. Tutto questo Draghi lo ha ignorato nella sua inutile passerella e alla Marina libica ha fatto pure i complimenti. Per una simile operazione non era necessario avere al governo i migliori, bastavano anche gli altri".