Migranti, Unhcr: almeno 1.750 morti nei viaggi verso costa africana -4-

Red/Sim
·1 minuto per la lettura

Roma, 29 lug. (askanews) - Molte persone hanno riferito di essere state costrette dai trafficanti a prostituirsi o a soddisfare altre forme di sfruttamento sessuale. Tra gennaio 2017 e dicembre 2019, l'Unhcr ha registrato oltre 630 casi di tratta di rifugiati nel Sudan orientale, con quasi 200 donne o bambine che hanno denunciato di essere sopravvissute a violenza sessuale e di genere. Una volta in Libia, rifugiati e migranti sono esposti al rischio di subire ulteriori abusi, dal momento che il conflitto in corso e la fragilità dello Stato di diritto comportano che le reti del traffico e della tratta e le milizie siano spesso nelle condizioni di poter agire impunemente. L'Unhcr accoglie con favore le recenti operazioni avviate dalle autorità libiche contro gruppi armati e trafficanti, tra cui un'irruzione ai danni di un'organizzazione dedita al traffico di esseri umani e il congelamento dei beni di vari trafficanti. L'Agenzia si appella alla comunità internazionale affinché assicuri maggiore supporto alle autorità nella lotta contro le reti della tratta di esseri umani. (Segue)