Migranti: Verducci, 'no al rifinanziamento della guardia costiera libica'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 13 lug. (Adnkronos) – "Nessuno può dire di non sapere quello che avviene nei cosiddetti campi di detenzione per migranti in Libia, perché le continue violazioni dei diritti umani sono documentate e denunciate da Onu e Consiglio d'Europa". Così il senatore Francesco Verducci, della Direzione nazionale Pd.

"Torture, violenze sessuali, sequestri, trattamenti inumani, detenzione arbitraria. Basta ipocrisie. Il sostegno alla cosiddetta guardia costiera libica finisce per favorire l'attuale sistema dei campi di detenzione, perchè i respingimenti verso i campi sono operati dalla guardia costiera libica. C'è un video di pochi giorni fa, nel quale la motovedetta libica Ras Jadir, donata dall’Italia, viene ripresa mentre spara dei colpi su un barcone carico di persone tentando di speronarlo. L'Italia non può essere corresponsabile di questa vergogna".

"Nell'ultimo anno la situazione è peggiorata. 'Medici senza frontiere' ha sospeso le attività in alcuni centri di detenzione a Tripoli, denunciando l'aumento ulteriore di maltrattamenti, abusi e violenze, in specie contro le donne. L'Italia non può avallare tutto questo. Va detto no al rifinanziamento della cosiddetta guardia costiera libica".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli