Migranti, visite mediche gratis nel Siracusano. Cri: "Così aiutiamo gli ultimi"

·3 minuto per la lettura

Migranti, senza fissa dimora, lavoratori agricoli stagionali. Si rivolge a tutti coloro che sono esclusi dal circuito dell'accoglienza e che vivono in condizioni di precarietà e ai margini il progetto della Croce Rossa di Pachino e Portopalo per l'assistenza sanitaria di prossimità. L'iniziativa, attivata lo scorso ottobre grazie al supporto del Comitato nazionale Area Salute e del Comitato regionale della Cri, punta a garantire l'accesso gratuito alle cure e ai servizi di medicina generale e di tutela della salute anche mentale, oltre ad attività di screening per il contenimento del Covid-19.

"Il primo scoglio è superare la loro naturale diffidenza - dice all'Adnkronos Mariateresa Vecchio, presidente del Comitato Cri di Pachino e Portopalo -. Spesso hanno paura, molti vivono in alloggi di fortuna e al limite della legalità". Far capire di essere dalla loro parte è il primo step. "Il nostro obiettivo è arrivare a chi ha più bisogno, ai senza fissa dimora, a chi è più difficile da raggiungere". Un esercito di invisibili senza diritti a cui i volontari Cri tentano di dare voce. Nei locali della Croce Rossa in via Anita 7 a Pachino, martedì, giovedì e venerdì, dalle 16 alle 20, un'equipe formata da un medico, un mediatore culturale e due psicologhe forniscono sostegno.

"E' un primo presidio - spiega Mariateresa che da due anni guida il comitato locale della Croce Rossa -. Facciamo visite mediche, ci occupiamo del disbrigo delle pratiche per esigenze legate al diritto alla salute, li seguiamo nell'iter della vaccinazione anti Covid, se necessario i nostri psicologi li aiutano nel percorso di emersione dal disagio". Sono già cento gli utenti che in poco più di un mese si sono rivolti ai volontari della Cri. "Nei prossimi giorni sottoscriveremo anche un protocollo d'intesa con l'Asp di Siracusa per facilitare il loro accesso ai servizi sanitari territoriali", spiega Mariateresa. Già da tempo i volontari della Croce rossa di Pachino e Portopalo portano il loro sostegno ai cittadini più fragili.

"Forniamo loro generi di prima necessità, come cibo e vestiti, ma c'è ancora tanto da fare. Nel nostro piccolo cerchiamo di aiutarli in stretta collaborazione con il Comune, da cui anche per l'avvio di questo progetto abbiamo ricevuto ampia disponibilità alla collaborazione". L'obiettivo a medio termine è realizzare anche visite itineranti "per raggiungere con la nostra equipe i migranti lavoratori stagionali e i senza fissa dimora che vivono nelle aree rurali fuori dai centro urbano. Di questi ragazzi mi colpisce la solitudine e il profondo senso di gratitudine. Vivono in condizioni estremamente difficili, eppure a ogni nostro gesto rispondono con un sorriso e un grazie. E' difficile dimenticare i loro occhi, quegli sguardi disarmanti che danno un senso a tutti i nostri sacrifici. Aiutarli è qualcosa di cui non si può davvero fare a meno".

Accanto a loro i volontari della Croce rossa di Pachino e Portopalo hanno il supporto del Comitato nazionale e regionale della Cri. "Ringrazio il presidente nazionale Francesco Rocca per la fiducia riposta in noi e il nostro presidente regionale Luigi Corsaro per essere al nostro fianco e a nostro supporto. Riesce sempre a darci la giusta carica nell'andare avanti".

(di Rossana Lo Castro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli