Migrazione sanitaria: 70mila minori l’anno cercano cure in Lombardia

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 31 mar. (askanews) - La migrazione sanitaria pediatrica è un fenomeno che in Lombardia ha numeri considerevoli: ogni anno qui arrivano circa 70.000 minori alla ricerca di cure specifiche. Di questi, secondo i dati di Obm Onlus, circa 4.000 sono accolti all'Ospedale Buzzi di Milano per cure, arrivando da fuori provincia, fuori regione o dall'estero. I piccoli pazienti, insieme ai loro genitori portano ad avere circa 100.000 persone all'anno che si trovano, spesso senza preavviso, in una situazione di disagio, molto complessa per l'allontanamento dagli affetti, l'interruzione dello studio, del lavoro, e anche per problematiche di tipo economico. Un insieme di fattori che rende le persone coinvolte, più fragili e deboli. E la pandemia non ha fatto altro che peggiorare la situazione.

In questo quadro l'associazione Obm Onlus dal 2009 lavora al il progetto Obm Home per offrire accoglienza a bambini e alle mamme in cura all'Ospedale Buzzi di Milano. In questi 15 anni il progetto è cresciuto fino a offrire quest'anno, grazie a una nuova donazione, 5 case, 10 alloggi per 3.650 giorni di accoglienza. Dalla sua nascita, Obm Home ha accolto più di 1.000 nuclei familiari, per un media di 6 notti di pernottamento.

Obm Home accoglie tendenzialmente tre tipologie di ospiti: bambini ricoverati in urgenza, mamme e bambini in ricoveri programmati e bambini costretti a ricoveri ricorrenti. Questo ha portato l'associazione a creare ambienti che ricreano il calore di casa, per permettere, nel tempo libero dalle cure di ricreare un clima ed uno stato d'animo di maggiore tranquillità e benessere. Ma l'associazione diventa, per tutte queste famiglie, un aiuto concreto per ogni necessità di ordine pratico o emotivo.

Durante l'ultimo anno di pandemia, Obm ha adeguato in tempo reale i propri alloggi, alle nuove necessità e alle nuove normative, fornendo accoglienza, quando in città gli alberghi erano chiusi e anche fare la spesa era davvero difficile. Obm Onlus ha creato una nuova forma di accoglienza gratuita per le famiglie in cura, in tempi rapidissimi e con modalità flessibili ed efficaci, grazie alla sinergia con le famiglie che hanno dato gli appartamenti di Obm Home in comodato gratuito e i partner che sostengono la gestione di questa iniziativa, anno dopo anno.