Miguel Bosé, l'abuso di droghe e il negazionismo Covid: "Ho avuto la forza di dire basta"

·1 minuto per la lettura
Miguel Bose droghe
Miguel Bose droghe

Miguel Bosé ha confessato le sue difficoltà legate all’abuso di sostanze. Dalla fine degli anni ’80 il cantante avrebbe abusato di droghe dopo la fine di una rottura sentimentale.

Miguel Bosé: le droghe

Miguel Bosé non ha fatto segreto di aver avuto profonde difficoltà a causa del suo abuso smodato di sostanze. Il cantante avrebbe iniziato a farne uso a seguito di una rottura sentimentale e avrebbe smesso definitivamente alcuni anni fa: “Da un giorno all’altro le droghe smettono di essere tue alleate e diventano il tuo nemico. Fino al giorno in cui ho avuto la forza di dire basta. Non uscivo più nei locali, ma mi facevo lo stesso tutti i giorni. Sono arrivato a consumare quasi due grammi di cocaina al giorno, oltre a fumare marijuana e a prendere pastiglie. Solo sette anni fa ho smesso per sempre con tutta questa roba”, ha confessato.

Miguel Bosé ha sollevato numerose polemiche per via delle sue posizioni negazioniste in merito all’emergenza Coronavirus. Il 23 marzo 2020 il cantante ha perso sua madre, Lucia Bosé, per complicazioni dovute proprio a Covid-19. “Sono un negazionista e lo dico a testa alta. La verità non è nota perché c’è un piano escogitato in modo che non si sappia. Mia madre? Non è stato il virus a ucciderla, ma qualcos’altro… Se parlassi direi cose molto pericolose per chi doveva curarla”, ha dichiarato in merito alla scomparsa di sua madre.