Mihajlovic: "Ho fatto gli esami. Dopo 9 mesi dal trapianto sto bene, forse meglio di prima"

Adalgisa Marrocco
·1 minuto per la lettura
(Photo: Emilio Andreoli via Getty Images)
(Photo: Emilio Andreoli via Getty Images)

“Dopo 9 mesi sto come prima di avere la malattia, è importante e non è scontato. Sto qua e forse sto meglio di prima”. Sono le parole di Sinisa Mihajlovic, l’allenatore del Bologna che, ai microfoni di Sky, si è detto ottimista sia per la sua squadra che per la sua salute. Il 13 luglio 2019 lo sportivo aveva annunciato in conferenza stampa di aver ricevuto la diagnosi di leucemia mieloide acuta.

“Penso che il bilancio sia positivo. La mia squadra non ha avuto un allenatore per 5 mesi, poi c’è stato il lockdown. Abbiamo fatto record di punti, migliorandoci. Si poteva fare di meglio, ma anche di peggio e forse era più facile fare peggio. Ma, in fin dei conti, con tutto ciò che abbiamo passato è andata bene. Io sto bene, ho fatto esami recentemente e sto bene”, ha proseguito il tecnico.

“Io non posso chiedere alla società di spendere i soldi di Milan o Roma - ha detto Mihajlovic - però posso chiedergli di migliorare la squadra e riempire la squadra dove abbiamo delle carenze. Perciò dobbiamo prendere giocatori caratterialmente somiglianti a me. L’anno scorso l’obiettivo era la salvezza, quest’anno era quello di far più punti e l’anno successivo sarà farne ancora di più”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.