Mikaela Shiffrin, la campionessa che non riesce più a sciare dopo la morte del papà

Mikaela Shiffrin e il padre (Photo: getty - twitter)

La perdita del padre. Un dolore troppo forte, un lutto difficile da superare per la campionessa mondiale di sci Mikaela Shiffrin, che confessa le difficoltà di tornare in pista dopo la tragedia. A parlare della vicenda della giovane sciatrice è il Corriere della Sera.

Tornerà in questa stagione, dopo la tragica morte del padre? La sensazione, diffusa, è che la risposta sia no. Il riserbo, chiesto e ottenuto dalla fuoriclasse statunitense, alza poi un muro invalicabile, appena scheggiato da qualche notizia che rimedi parlando con i tecnici del Team Usa.

Jeff Shiffrin, padre della campionessa, sarebbe deceduto dopo una caduta dal tetto di casa. Di professione medico anestesista, 65 anni, l’uomo è scomparso il 3 febbraio poco dopo essere stato trasportato in un ospedale dell’area di Denver, capitale del Colorado (Usa). Da quel momento, la figlia Mikaela non è più riuscita a gareggiare: a commentare i risvolti emotivi della vicenda al Corriere è Giuseppe Vercelli, psicologo e consulente della Fisi (Federazione Italiana Sport Invernali).

“Mikaela uscirà dal tunnel se saprà dare un significato a quanto le è successo. Quando posta le foto con papà, prova che non ha ancora superato il trauma”.

Su Twitter la campionessa, citando la canzone “Breathe Again” di Sara Bareilles, ha recentemente scritto: “Sono rimasta senza fiato, sperando che un giorno respirerò di nuovo”. Insieme a quelle parole, la Shiffrin aveva scelto di pubblicare un’immagine che la ritraeva insieme al padre, ancora bambina. Sul ritorno della campionessa sulle piste, il Corriere scrive:

 

Mikaela Shiffrin ha ripreso a sciare a Vail, dove vive, ma chi l’ha vista assicura che non sono veri allenamenti. Nel Team Usa nessuno si sbilancia sul ritorno, nemmeno ora che Federica Brignone l’ha scavalcata in vetta alla Coppa del Mondo: si parla di rientro a Ofterschwang (7 e 8 marzo), ma in tal caso Mikaela dovrebbe volare in Europa nei prossimi giorni. Non ci sono avvisaglie in questo senso. 

 

Love HuffPost? Become a founding member of HuffPost Plus today.

This article originally appeared on HuffPost.