Milan, c'è un Castillejo in più: San Siro ha già dimenticato Suso

Omar Abo Arab

Chi lo avrebbe mai detto che Samu Castillejo sarebbe diventato uno dei titolarissimi del Milan? Nessuno, visto lo score dello spagnolo arrivato in rossonero dal Villarreal nell'estate del 2018. Spezzoni di gara in cui non ha mai incantato con Gennaro Gattuso e lo zero assoluto nel breve interregno Marco Giampaolo. Ora, con Stefano Pioli, è cambiato tutto.

Suso


Incredibili i numeri dello spagnolo - riportati dalla Gazzetta dello Sport - in stagione: 

Cross su azione riusciti (1,15 a partita contro 0,84), occasioni create (3,77 a 2,86) e recuperi (6,59 a 3,89). Molto più di quanto fatto dal suo connazionale Suso, ceduto al Siviglia a gennaio nell'ultima finestra di mercato. Non che ci volesse poi molto, vista l'involuzione dell'ex leader tecnico rossonero.

Samuel Castillejo

Per Castillejo il ritorno da titolare ha una data precisa: 11 gennaio, a Cagliari, dopo un digiuno dal primo minuto lungo due mesi. Una mossa a sorpresa quella di Pioli, che nelle gare successive è diventata routine. Al contrario di Suso, l'ex Villarreal, pur non avendo grande fisicità, garantisce una copertura difensiva costante che non gli impedisce di essere pericoloso in fase offensiva. Nonostante abbia realizzato una sola rete in 18 presenze stagionali, il suo meglio lo sta dando in zona assist: 2 in campionato e 2 in Coppa Italia. Non c'è che dire, con un Castillejo così San Siro ha già dimenticato Suso.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Milan e della Serie A!