Milan-Fiorentina, le pagelle di CM: Kessie e Kjaer dominano, bene Tonali. In ombra Castrovilli e Callejon

Daniele Longo, da San Siro
·4 minuto per la lettura

Milan

Donnarumma G. 7: straordinario il colpo di reni a deviare una conclusione di Vlahovic sul palo, abbassa la saracinesca sul tentativo di scavetto da parte di Ribery. Risponde presente anche su Pezzella nel finale a suggellare un'altra prestazione super.

Calabria 7: impressionante la crescita del canterano rossonero. Perfetto sulle diagonali difensive, controlla Ribery e dà manforte anche ai due centrali. Quando alza i giri del motore riesce a rendersi pericoloso anche nella metà campo avversaria.

Kjaer 7: Non sbaglia un intervento, un autentico gladiatore pronto sempre a battagliare in ogni angolo del campo. Il Milan ha trovato un difensore di grandissimo livello.

Romagnoli 6,5: mette alle spalle un momento così e così con un rete importante e liberatoria. Vlahovic gli va via solo in una occasione, per il resto fa buona guardia.

Theo Hernandez 6,5: Caceres ha terminato la partita disorientato dalle continue scorribande del terzino francese. Costringe la Fiorentina a giocare sempre sulla corsia opposta.

Tonali 6,5: buon ritmo, tatticamente perfetto e in continua crescita: il Milan inizia a saggiare le qualità del talento di Lodi. (dal 37' st Hauge s.v)

Kessie 7: dominatore incontrastato del centrocampo, dalle sue parti la Fiorentina trova una diga invalicabile. Suo l'assist per Romagnoli, realizza il gol della tranquillità con una serenità pazzesca dagli undici metri. Sul secondo rigore è anche bravo Dragowski a leggere in anticipo le sue intenzioni.

Saelemakers 7: ha ragione Maldini, l'esterno belga gioca a una intensità superiore alla media. Si procura il calcio di rigore ma la differenza la fa con lo stop a seguire. Corre come un forsennato fino ai minuti di recupero. Fulimine (dal 46' st Dalot s.v)

Calhanoglu 6,5: il gol manca da diverso tempo ma il turco cresce di partita in partita. Nei suoi 90' ci sono giocate da campione vero, solo il palo gli nega la gioia personale.

Brahim 6: è sempre nel vivo del gioco ma non sempre con la giocata giusta. Può e deve fare di più.(dal 29' st Krunic 6: entra molto bene in partita)

Rebic 6: non è ancora devastante come nella seconda parte della stagione, ma mette il cuore in campo a servizio della squadra. E non è poco.

All.Bonera 6,5: lettura perfetta della partita, con Diaz trequartista e Calhanoglu a sinistra. Vittoria di platino e meritata, cosa chiedere di più?

Fiorentina

Dragowski 6,5: felino nel disinnescare il secondo calcio di rigore di Kessie, attento nelle uscite.

Cáceres 5: pomeriggio totalmente da dimenticare per il difensore uruguaiano: stende ingenuamente Hernandez in area di rigore, non si propone mai in fase offensiva. (15' st Lirola 6: meglio del compagno ma non ci voleva poi molto)

Milenkovic 6: all'esame San Siro, contro quella che potrebbe essere la sua prossima squadra, non sfigura controllando abbastanza agevolmente Rebic.

Pezzella 5,5: in ritardo su Saelemekers nel primo tempo: giallo e rigore a favore del Milan. Un errore che determina in negativo e macchia una prestazione, tutto sommato, non negativa.

Biraghi 5,5: arriva spesso al cross ma oggi non è preciso come al solito.

Amrabat 6: uomo ovunque del centrocampo viola, combatte senza esclusione di colpi e strappa una sufficienza piena.

Pulgar 5,5: Prandelli gli chiede lucidità e geometrie in regia, ma il cileno sembra lontano da una condizione fisica ottimale.

Castrovilli 5,5: qualche lampo al quale alterna lunghe pause. La Fiorentina si aspetta molto di più dal suo gioiello.(dal 31' st Valero 5,5: entra in campo e perde due palloni. Non incide)

Callejon 5: Calabria lo anticipa spesso, non è nella sua giornata migliore. (dal 1' st Bonaventura 6: molto più propositivo, cerca un paio di filtranti ma Kjaer è sempre attento e gli smorza ogni velleità)

Vlahovic 6: segnali dall'attaccante serbo: fa a sportellate con Romagnoli, prende un palo e attacca sempre la profondità. (dal 31' st Kouamè 5,5: impalpabile dal suo ingresso in campo)

Ribéry 6: si accende in un paio di occasioni, mettendo in mostra la sua classe infinita. Ma i viola avrebbero bisogno del miglior Franck.(dal 23' st Cutrone 6: si sbatte ma non gli arrivano palloni interessanti)

All. Prandelli 5,5: due partite, zero punti e zero gol segnati in campionato. La strada è in salita, c'è tanto da lavorare per il tecnico di Orzinuovi.