Milan: la decisione su Caldara e un altro acquisto in difesa

Fabrizio Romano

Ibrahimovic prima di tutto. Ma non solo, perché il Milan sta programmando altre scelte per il mercato di gennaio quando ci sarà da ristabilire la situazione anche per quanto riguarda la difesa. Perché se Romagnoli è intoccabile e Musacchio rimarrà, l'infortunio di Duarte impone l'acquisto di un nuovo difensore centrale aprendo a formule intelligenti: il Milan non vuole procedere sulla strada dei prestiti secchi, Todibo del Barça non è in prima fila proprio per questo e il prescelto sarebbe quel Merih Demiral che la Juve continua a valutare tanto nonostante le poche apparizioni. Ma un centrale arriverà, questione numerica.

LA SCELTA SU CALDARA - In più, la dirigenza rossonera è convinta di poter recuperare Mattia Caldara ai massimi livelli nel 2020. Gli infortuni sono alle spalle, c'è da ritrovare brillantezza e ritmo partita dopo un lunghissimo stop per potersi riproporre nell'undici di Pioli: Caldara ha la stima della società ed è un investimento che il Milan vuole proteggere, ecco perché non è in programma una cessione a gennaio neanche in prestito, ma c'è intenzione di reinserirlo nelle rotazioni a livelli importanti. Il suo talento non è in discussione, il Milan crede in lui e attende di ritrovarlo al 100% fisicamente proprio per rilanciarlo al momento giusto. Così il pacchetto dei centrali avrà Romagnoli, Caldara, Musacchio e un nuovo arrivo, con Duarte fuori ancora a lungo. 

Ascolta "Milan, il mercato in difesa" su Spreaker.