Milan, l'ottimo mercato in entrata passa dalle uscite: i capolavori di Maldini e Massara

Antonio Parrotto
·1 minuto per la lettura

Il Milan non perde da marzo e in campionato è al primo posto grazie a 4 successi nelle prime 4 partite e il merito è sicuramente di Stefano Pioli, confermato sulla panchina rossonera dopo i risultati della scorsa stagione ma anche della dirigenza (senza ovviamente dimenticare chi scende in campo).

Però per creare qualcosa di importante c'è bisogno del giusto mix tra campo, panchina e società, il giusto mix che ora all'interno del Milan sembra esserci. I rossoneri, con la minima spesa estiva, stanno volando in questo avvio di stagione.

FC Internazionale v AC Milan - Serie A | Jonathan Moscrop/Getty Images
FC Internazionale v AC Milan - Serie A | Jonathan Moscrop/Getty Images

La rincorsa però parte da lontano e porta la firma degli uomini mercato Maldini e Massara. Via Suso, ceduto al Siviglia a titolo definitivo perché qualificato in Champions per 24 milioni di euro; via Lucas Paquetà, al Lione, per 20 milioni, poi lo scambio, a titolo definitivo, con l’Eintracht Francorforte tra André Silva e Rebic: 50 milioni, circa, quindi, solo dalle cessioni. Via anche altri vari elementi come Reina, Biglia, Ricardo Rodriguez e Jack Bonaventura. Il risparmio per reinvestire su una linea verde, fatte alcune eccezioni, sia tecnica che economica e le scelte che sembrano dare ragione al Milan.

Segui 90min su Facebook, Instagrame Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Milan e della Serie A!