Milan, Pioli fissa il nuovo obiettivo

Alla vigilia della delicata sfida contro la Fiorentina, il tecnico del Milan Stefano Pioli ha parlato in conferenza stampa dell'obiettivo finale della sua squadra, rispondendo anche alle domande sul suo futuro: "Obiettivo Champions? Più che altro l'obiettivo è vincere tante partite da qui alla fine, non so cosa riusciranno a fare le nostre concorrenti. Davanti ci sono Roma e Atalanta, non va sottovalutato anche il ritorno del Napoli. L'obiettivo è raggiungere il massimo che possiamo fare. Bisogna avere l'ambizione di puntare sempre al successo".

"Ci stiamo allenando bene ed è la verità, qui si respira aria positiva - ha aggiunto Pioli -. La priorità è il nostro presente, e solo pensando al presente possiamo determinare il futuro. Su altre cose su cui non possiamo decidere non ci pensiamo, non abbiamo tempo e energie per pensare ad altro. La mia conferma a fine anno? Nessun allenatore viene confermato a prescindere dal risultato, alla fine chi deve decidere deciderà. Però non posso rispondere ogni conferenza sul mio futuro, concentriamoci sul presente, vediamo cosa succederà".

Pioli è anche tornato sul presunto caso legato a Musacchio, smentendo una volta per tutte, così come aveva già fatto lunedì sera, le voci di un ammutinamento: "Non c'è alcun caso Musacchio, lunedì sera ha avvertito un indurimento al polpaccio. Se si fosse rifiutato di entrare domani non sarebbe convocato, invece è normalmente disponibile".