Milano, in 300 per il video di un rapper: pietre e bottiglie contro polizia

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Guerriglia urbana a Milano. Una folla di ragazzi tra i 16 e i 20 anni si era radunata per le riprese del video di un rapper in via Micene. La polizia, arrivata per disperdere l'assembramento, è stata attaccata con pietre, bastoni e bottiglie. Per disperdere i ragazzi, che si rivolgevano agli agenti gridando “andatevene”, “fuori dalle nostre zone”, si è reso necessario il lancio di un lacrimogeno.

La piccola folla di almeno 300 giovani si era radunata nel quartiere intorno alle 17.30 ed è stata subito segnalata alle forze dell'ordine, intervenute inviando sul posto cinque aliquote del Reparto Mobile della Polizia di Stato e del Battaglione dell’Arma dei carabinieri al momento impegnate in città in servizi anti-assembramento.

I ragazzi erano saliti sulle auto in sosta cantando e saltando. All'arrivo della polizia, si sono dati alla fuga verso piazzale Selinunte per poi compattarsi e iniziare a lanciare oggetti contro gli agenti. La questura di Milano, risolta la situazione, ha mantenuto un presidio in zona.