Milano, al via restauro tribuna secondaria dell’ippodromo di S.Siro

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 19 mar. (askanews) - Comincia il ripristino e il restauro della tribuna secondaria dell'Ippodromo di San Siro, struttura in stile liberty del 1920 inaccessibile al pubblico da oltre dieci anni. I lavori, per i quali Snaitech investirà oltre 3 milioni di euro, termineranno a settembre, in tempo per la Milano Design Week 2021. La tribuna ha una capienza di circa 2.000 posti e si sviluppa su tre livelli: due piani di gradinate sovrapposte che si affacciano sulle piste e, sul retro, degli spazi al pianterreno che si affacciano sul Cavallo di Leonardo.

Si tratta di quella che un tempo era la tribuna più popolare dell'ippodromo, nobili e borghesi sedevano infatti nella tribuna del peso o in quella principale. In futuro è possibile che il grande spazio antistante la tribuna, che è distanziata di circa 30 metri dal tracciato, possa essere adibito allo svolgimento di attività sportive come tennis, beach volley o basket. L'Ippodromo Snai San Siro, unico impianto ippico al mondo ad essere dichiarato monumento di interesse nazionale, ha recentemente festeggiato il suo primo centenario. Frutto del genio dell'architetto Paolo Vietti Violi, la struttura fu infatti inaugurata il 25 aprile 1920 diventando subito un punto di riferimento per tutti gli impianti edificati in seguito.

L'Ippodromo è il posto dove per decenni nobili e cittadini comuni hanno condiviso una stessa passione, quella per le corse. Ma è anche il luogo dove Luchino Visconti, prima d'essere regista neorealista, vince da allenatore il Gran Premio di Milano, con un cavallo acquistato per sole 1.500 lire da Federico Tesio. Ta i viali dell'impianto hanno passeggiato personaggi leggendari, come Ernest Hemingway che, ferito sul Piave e convalescente a Milano, cerca nelle corse pace e spensieratezza, poi ricordate nel suo capolavoro 'Addio alle armi'.

"I lavori- ha commentato Fabio Schiavolin, Amministratore Delegato di Snaitech - non solo amplieranno la capienza dell'ippodromo, ma riporteranno all'antico splendore un pezzo di storia dell'ippica e della città. La scelta di investire in questo progetto, peraltro in un momento in cui l'ippica corre a porte chiuse a causa dell'emergenza sanitaria, testimonia la volontà di Snaitech di continuare a investire per portare avanti la tradizione ippica di questo magnifico impianto e portare l'ippodromo sempre più al centro della città".