A Milano apre il capsule hotel social e tecnologico

Milano, 30 dic. (askanews) - Stanze piccole, tanta tecnologia. A Milano ha aperto il primo ostello (Ostelzzz) che si ispira alla filosofia dei capsule hotel giapponesi. Ma la rinnova e diventa un "social hostel". Un posto in cui arricchire le relazioni umane attraverso la tecnologia, che permea tutte le stanze: dagli schermi touch ai totem interattivi dove si effettua il check in con la reception virtuale, fino al social network interno, pensato per facilitare i contatti fra gli ospiti. Gianmaria Leto è il Ceo della startup che ha creato il progetto (ZZZleepandgo). "L'obiettivo è aprire a Torino e adesso attraverso soci e nuove strutture è aprire a tutta l'Italia e in Europa".

I prezzi vanno dai 50 ai 60 euro a notte a persona, le stanze sono di varie dimensioni, ce ne sono anche alcune col bagno privato e il fatto che si trovi in centro, zona Porta Venezia, segna una evoluzione del concetto di questi hotel, spiega la travel blogger Agnese Sabatini. "Se in giappone nasce nei luoghi strategici come le stazioni, adesso sta crescendo come struttura ricettiva in centro città".

Una soluzione che cerca di sfruttare a pieno la nuova dimensione turistica di Milano, in piena esplosione.