Milano, bambino di 2 anni cade sul binario della metro. 18enne lo salva

Una tragedia sfiorata, un ragazzo che da semplice studente si riscopre di colpo eroe. Siamo nella metropolitana milanese, fermata Repubblica. Siamo sulla banchina in direzione San Donato e tra chi aspetta la metropolitana c’è Mohamed, un bambino di due anni, tenuto per mano dalla mamma. A un certo punto il piccolo si libera e corre. Verso i binari. E cade, sotto. La madre è sotto shock, il bimbo, da solo, non può certo salvarsi dall’arrivo del treno.

Ma sulla banchina c’è anche Lorenzo Pianazza, 18enne studente. Il ragazzo vede quel che è successo e non ci pensa un attimo. Butta lo zaino con i libri di scuola per terra e si butta giù, tra i binari. Prende Mohamed e lo trae in salvo. Da solo. “Tornavo da Varese, dove frequento un istituto privato per prendere il diploma – ha raccontato il ragazzo a MilanoToday –. Ero sceso dal treno ed ero andato sulla gialla per prendere la metro verso casa. All’inizio non avevo capito. Mi sono accorto della madre che andava verso i binari gesticolando e poi ho visto altre due o tre persone avvicinarsi”.

“Mancava un minuto all’arrivo della metro, allora mi sono detto: «Salto giù e lo prendo, tanto ce la faccio a risalire. O mal che vada cerco di correre fino alla fine dei binari sperando che la metro si fermi»” (Credits – Facebook)

Forse sotto shock, forse non avevano il coraggio, forse distratti, nessuno degli altri cittadini che aspettavano la metropolitana è intervenuto. E i rischi, per Lorenzo, erano elevati. “Mancava un minuto all’arrivo della metro, allora mi sono detto: «Salto giù e lo prendo, tanto ce la faccio a risalire. O mal che vada cerco di correre fino alla fine dei binari sperando che la metro si fermi»”. Ma, in verità, qualcun altro ha visto cosa stava accadendo e ha aiutato Lorenzo a salvare Mohamed e a non rischiare la vita.

Sì, perché nella stazione di Repubblica c’era anche Claudia Castellano, 32enne agente di stazione Atm. La donna si è accorta dai monitor di quanto stava accadendo e ha tolto il segnale, bloccando i treni in arrivo nella stazione e, dunque, dando tempo a Lorenzo di salvare Mohamed e se stesso. Messo Mohamed in salvo, Lorenzo se ne è andato, come se nulla fosse successo. Solo l’appello del Sindaco Sala, che vorrebbe incontrarlo, lo ha fatto uscire allo scoperto.