Milano, Bernardo: centrosinsinitra anti-moderno, noi il moderno

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 3 ago. (askanews) - "Siamo il moderno, cioè Bernardo, gli elettori, i cittadini milanesi, i partiti che io rappresento e dall'altra parte c'è l'anti-moderno. Credo che uno o Milano l'ha vissuta, la vive e va in giro e si rende conto di cosa c'è, oppure non ne deve parlare. Nei quartieri c'è gente sola e abbandonata, c'è degrado". Lo ha detto il candidato sindaco di Milano del centrodestra, Luca Bernardo, a proposito del sindaco attuale, Giuseppe Sala, e della sua visione di città.

"Sto vedendo ultimamente che la Giunta di sta sperticando a fare tante cose belle in termini di intenti che comunque visto i tempi non riuscirà a fare. Mi domando, forse è un po' tardino" ha aggiunto. "A Ferragosto sarò a Milano. Avrò il piacere spero di andare in una comunità mamma-bambino, spero di poter tornare al carcere minorile Beccaria, perché hanno bisogno di essere sostenuti. Poi spero di andare a trovare gli anziani nelle bocciofile perché nelle Rsa non si può e mi auguro di andare ad aiutare a servire qualche pasto come ho fatto in passato" ha proseguito durante una visita al mercato di viale Papiniano.

A proposito del divieto di asporto alcolici dopo la mezzanotte in alcune vie della città ha concluso: "Abbiamo di fronte una movida che deve rispettare i residenti, i commercianti e servono prevenzione e presidio fisso della Polizia locale bei luoghi più caldi. Questo non vuol dire però blindare Milano".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli