Milano, candidata sindaco M5S: "Sala e Bernardo mi temano"

·2 minuto per la lettura

La manager Layla Pavone, candidata del M5S alla poltrona di sindaco di Milano non teme il primo cittadino Giuseppe Sala né Luca Bernardo, candidato per il centrodestra alle amministrative del prossimo ottobre. "Sono loro che dovrebbero temere me", dice la candidata del Movimento in un'intervista all'Adnkronos. "Non bisogna mai dare nulla per scontato nella vita, figuriamoci in un'elezione". Nata e cresciuta a Milano, laureata in Scienze Politiche all’Università Statale, Pavone è una manager esperta di digitale e di innovazione tecnologica, temi di cui ha iniziato a occuparsi dal 1994. Attualmente è chief innovation marketing e communication officer di Digital Magics, incubatore di startup italiano, all’interno del quale ha anche ideato il progetto di imprenditoria digitale rivolta alle donne che si chiama 'Mia Miss in Action', con l'obiettivo di supportare e sostenere le aspiranti 'startupper'. E' inoltre consigliere indipendente della Seif, società editrice Il Fatto Quotidiano. La sua vita si divide tra il lavoro, la figlia Beatrice e il suo compagno.

E proprio il sostegno alle donne sarà una delle priorità da sindaco. "La prima cosa che farò per Milano? Sicuramente capire bene cosa è stato fatto, anzi cosa non è stato fatto, per supportare le donne da ogni punto di vista". Pavone si dice "molto impaziente di cominciare. Amo profondamente la mia città. Sono pronta a dare il mio contributo affinché Milano riparta dopo il Covid, diventi sempre più europea ma, al contempo, non dimentichi le periferie, l'ambiente, la sicurezza. Temi che, purtroppo, sono stati messi in secondo piano".

Infine la manager definisce "ottimo" il rapporto con il presidente del M5S, Giuseppe Conte. "Credo che con lui il M5S saprà evolversi e rilanciarsi. Mi ha fatto l'in bocca al lupo e assicurato tutto il sostegno per questa splendida impresa che mi attende".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli