**Milano: candidato sindaco Pascale, 'dopo cinque anni sarà più giusta e più civile'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 1 ott. (Adnkronos) – ''Se diventasi sindaco vorrebbe dire che la classe lavoratrice avrebbe preso il potere in questa città. I poteri forti costituiti dal blocco sociale dominante ci farebbero la guerra senza pietà. Tutte le misure che proponiamo, anche se ottenessero la maggioranza elettorale, difficilmente potrebbero essere attuati senza il sostegno attivo della popolazione. Se ci sarà la necessaria partecipazione al conflitto che ci scateneranno contro tutto sarà possibile. Sara possibile costruire la Milano che abbiamo in mente, una Milano più civile, verde, giusta, solidale e comunitaria. Sarà possibile anche esportare la rivoluzione nel resto del paese''. Lo ha detto il candidato del Partito Comunista, Alessandro Pascale al confronto tra i 13 candidati sindaco di Milano realizzato dall'Adnkronos, https://www.adnkronos.com/speciali/elezioni_milano/ rispondendo alla domanda su come sarà la città tra cinque anni se diventerà sindaco.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli