Milano: caso Barbato, opposizioni chiedono a Sala di riferire in consiglio

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 11 apr. (Adnkronos) – Le opposizioni in consiglio comunale chiedono al sindaco di Milano, Giuseppe Sala di riferire in consiglio sul caso Barbato, l'ex comandante dei vigili di Milano. “Il caso dell’avvicendamento del Comandante della polizia locale Barbato, i quattro suicidi di vigili avvenuti in due anni, le vicende di appropriazione indebita con riferimento alle multe e le vicende legate anche alla droga sono questioni sulle quali si deve fare chiarezza al più presto in consiglio comunale. Da marzo chiedo la convocazione di una Commissione d’inchiesta o di una Commissione sicurezza", sottolinea il consigliere comunale di Fdi, Riccardo De Corato. "Sala potrebbe semplicemente venire in consiglio e in quella sede confrontarsi con i consiglieri".

Gli fa eco la Lega, con il consigliere comunale Max Bastoni: quello pubblicato oggi è "un comunicato stampa che non dissipa i sospetti sulla nomina di Marco Ciacci a comandante della Polizia Locale di Milano. Se Sala non ha nulla da nascondere si presenti in consiglio comunale, che sarebbe già una novità, e poi in commissione regionale antimafia e trasparenza". L’intenzione del Comune di Milano di rivalersi in sede legale nei confronti di chi ha sollevato dubbi sull’intera vicenda "è la dimostrazione che Sala cerca alibi per non presentarsi ne’ in consiglio comunale ne’ in commissione regionale". Una nota firmata dai consiglieri d'opposizione Fabrizio De Pasquale, Matteo Forte, Andrea Mascaretti, Alessandro Morelli e Manfredi Palmeri chiedono la convocazione di una seduta della Commissione Anticorruzione con l'audizione di Barbato e del sindaco.

"Il sindaco Sala scappa di nuovo dal confronto in consiglio comunale per evitare la sua audizione richiesta dall'opposizione per far chiarezza sul caso del Comando della Polizia Locale. La giunta non ha fornito ai consiglieri comunali le informazioni e i documenti richiesti fin dal 2017, ben prima che Le Iene rendessero la questione più conosciuta. Invece di venire in Aula lunedì pomeriggio, il sindaco fa scrivere una nota stampa firmata dal 'Comune di Milano' che, contrariamente a quanto segnalato da Anci, afferma che non ci sarebbero stati all'interno dell'amministrazione comunale profili adeguati a ricoprire il ruolo di comandante delle polizia locale per sostituire Barbato".