Milano, Comune vende all’asta immobili in via Messina-Cenisio

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 22 apr. (askanews) - Il Comune di Milano venderà all'asta, con o senza incanto, una porzione del complesso immobiliare di via Messina-Cenisio, nell'ambito per progetto di razionalizzazione delle proprie sedi. Lo ha deciso ieri il Consiglio comunale con l'appovazione del Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari 2022, cioè il documento che individua gli immobili comunali ritenuti non strumentali all'esercizio delle funzioni istituzionali, che possono dunque essere ceduti con l'obiettivo di ricavare risorse da utilizzare per garantire e ampliare i servizi pubblici.

Il fabbricato in questione, nel quale era stata prevista anni fa la realizzazione di un "federal building", verrà invece in parte venduto, concentrando su quella porzione i diritti volumetrici, mentre altre due parti verranno mantenute a funzione pubblica per servizi comunali e di altri enti. Il cambio di rotta è dovuto all'acquisizione degli immobili di via Sile e via Durando. Stessa sorte toccherà all'immobile di largo De Benedetti 1, sede dell'Anagrafe, a pochi passi dal Bosco Verticale.

Il Piano include poi cinque aree e due immobili in diritto di superficie per 90 anni destinati alla creazione delle Case di Comunità milanesi, cioè i nuovi presidi sanitari sul territorio previsti dal Pnrr. Per un altro edificio del Comune, in via Forze Armate 59-61, è stata ricevuta una manifestazione di interesse all'acquisto da parte degli attuali occupanti, la scuola ebraica del Merkos, così come una manifestazione d'interesse è stata presentata per un'area di 340 metri quadri in via Wittgens, oggi a parcheggio, ma si sta valutando un'operazione di valorizzazione diretta.

Inserito nel Piano anche un portafoglio di immobili per i quali cambia la destinazione decisa dal Consiglio comunale nel 2019, ovvero il conferimento nel Fondo Immobiliare Comune di Milano II: si punterà alla valorizzazione diretta o altre forme attraverso la partecipazione ai fondi del Pnrr. Si tratta di un edificio ad alloggi in via Trivulzio 18, dell'ex scuola di via Zama 23, del rudere di via Scaldasole 5, di una villa con giardino a Cerano d'Intelvi e dell'ex colonia di Cesenatico.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli