Milano: Confcommercio, 'criminalità in aumento per 57% imprese'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 19 mar. (Adnkronos) – Più fenomeni criminali nel proprio Comune e nel proprio quartiere negli ultimi cinque anni. Lo segnala il 58% degli operatori commerciali sentiti per un sondaggio di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza. Le risposte sono arrivate da 773 imprese e i dati sono stati elaborati dall’Ufficio Studi: il riscontro di un incremento degli episodi criminali va dal 57% di Milano città, al 59% nell’hinterland milanese fino al 65% per Monza Brianza.

Il 44% delle imprese di Milano città segnala furti e scippi (hinterland milanese 43%, Monza Brianza 38%) mentre è da Monza Brianza (46%) che arrivano più indicazioni riguardo all’aumento dello spaccio di droga (hinterland milanese 40%, Milano città 32%). I danneggiamenti impattano senza differenze su Milano città (33%), hinterland milanese (32%) e Monza Brianza (33%).

Per il 45% delle imprese sono inoltre aumentati i fenomeni di usura o le offerte d’acquisto delle aziende ad un valore inferiore a quello di mercato (fenomeni legati al prolungarsi dell’impatto economico generato dall’emergenza Covid). L’86% ritiene necessaria sul territorio una maggior presenza delle forze dell’ordine (90% Milano hinterland, 87% Milano città, 77% Monza Brianza). E il 76% reputa che la presenza dei militari nelle strade costituisca una forma di prevenzione efficace del crimine (Milano città 77%, Monza Brianza 76%, hinterland milanese 74%).