Milano, De Corato: immigrati interpretano lockdown a modo loro

Red-Mch
·1 minuto per la lettura

Milano, 16 nov. (askanews) - "A quanto pare gli immigrati continuano ad interpretare a modo loro il lockdown, senza che nessuno gli dica niente, con pizze e bevute in compagnia e, addirittura, partite di ping-pong come avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri in piazza Angilberto, a Milano". Lo ha denunciato in una nota l'assessore alla Sicurezza di Regione Lombardia, Riccardo De Corato. "Nonostante le segnalazioni alle forze dell'ordine da parte dei residenti, costretti ad assistere delle proprie finestre alla totale non curanza delle regole di queste persone, non è intervenuto nessuno per far disperdere gli assembramenti e far rispettare le misure anti-contagio contenute nell'ultimo Dpcm", ha attaccato l'ex vicesindaco di Milano. "La situazione, come segnalato dai residenti e dal presidente del Municipio 4, Paolo Guido Bassi, è fuori controllo", ha aggiunto De Corato. "Come mai - si è chiesto l'assessore - non si vieta alle persone di utilizzare, posizionando almeno il nastro rosso e bianco, le aree ludico-ricreative come quelle di Piazza Angilberto o le aree verdi e i parchi giochi come quelle di piazzale Gabrio Rosa?". Per De corato, "è evidente che, in questo periodo di emergenza sanitaria, la città è ormai in mano agli stranieri. Dove sono i controlli delle forze dell'ordine? Sembrerebbe quasi che le regole valgano solo per gli italiani", ha concluso l'ex vicesindaco di Milano.