Milano, De Corato: lunedì Consiglio per debiti a 5 giorni voto

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 22 set. (askanews) - "È incredibile che il presidente del Consiglio Comunale di Milano, Lamberto Bertolè, convochi l'assemblea comunale per sanare quasi 160mila euro di debiti fuori bilancio per le spese legali di 145 cause perse da Palazzo Marino, a cinque giorni dal voto." Lo afferma Riccardo De Corato, membro della Direzione Nazionale di Fratelli d'Italia in merito alla convocazione per lunedì 27 settembre del Consiglio per deliberare i debiti fuori bilancio.

Le cinque proposte di deliberazione - scrive De Corato in una nota - prevedono: il pagamento di spese legali pari a 9.961,24 € per 33 provvedimenti giudiziali esecutivi sfavorevoli al Comune di Milano e per lo stesso motivo il pagamento di 86.442,04 € per 21 provvedimenti, di 24.477,78 € per 3 provvedimenti e 34.035,44 € per 87 provvedimenti. La quinta prevede invece il pagamento di 3.764, 06 € in esecuzione della sentenza del Tribunale di Milano - I Sezione Civile.

"Per essere pagati - prosegue De Corato - questi debiti devono essere approvati dall'assemblea comunale e così ci ritroveremo il lunedì prima delle elezioni Amministrative a doverci riunire, ovviamente da remoto come da tempo fa comodo a molti che seguono in pantofole e dal divano di casa propria. Sono arrivati con l'acqua alla gola, eppure erano stati avvisati per tempo: nella relazione dei Revisori dei Conti sul bilancio 2021-23 questi invitavano il Comune 'a monitorare costantemente l'adeguatezza degli accantonamenti al Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità e al Fondo Passività Potenziali con particolare riferimento ai rischi derivanti da debiti fuori bilancio e dal contenzioso legale, adottando ove necessari idonei provvedimenti di riequilibrio'", conclude De Corato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli