Milano-Cortina 2026, Sala: modello di Expo 2015 applicabilissimo

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 23 mag. (askanews) - Il modello adottato per i lavori di Expo 2015 "è applicabilissimo" anche per quelli legati ai Giochi olimpici di Milano-Cortina 2026, sia per evitare infiltrazioni delle mafie sia per prevenire gli incidenti sul lavoro. Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, a margine di una cerimonia per i 30 anni dalla Strage di Capaci.

Per il primo cittadino, si tratta di un modello "da due punti di vista: il primo per la sorveglianza sulle gare, su chi le vince, che tipo di subappalti, quindi dal punto di vista legale. L'altra cosa importante è che, magari saremo stati anche fortunati, ma c'è stata molta vigilanza dal punto di vista degli incidenti sul lavoro. Abbiamo fatto un'opera importante praticamente senza incidenti. Quindi credo alle due cose, evitare infiltrazioni, ma anche grande attenzione agli incidenti perché poi siamo sempre a ricordare di quanti morti sul lavoro ci sono".

"Sono passati 30 anni, ma è quanto mai importante in questo momento ricordare, per gli investimenti in corso, per il Pnrr, c'è tanta attenzione su Milano quindi tenere una grande allerta è utile. Certamente noi facciamo cose come questa, ma anche cose operative, come il protocollo firmato in prefettura. È importante perché ci permetterà di prevenire e di capire prima quando società apparentemente in ordine in realtà sono macchine per riciclare soldi, andremo avanti con grande attenzione" ha aggiunto Sala ricordando il protocollo firmato pochi giorni fa in Prefettura.

Quanto ai Giochi Sala ha detto che affiderebbe al prefetto di Milano "la regia" dei controlli sui lavori, che riguardano anche province di Veneto e Trentino-Alto Adige, "perché è esperto, conosce le cose. Altrimenti non se ne esce più".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli